fbpx
Home / News / Bari: La LUM sfida il Politecnico. Pronto un corso in Ingegneria Gestionale

Bari: La LUM sfida il Politecnico. Pronto un corso in Ingegneria Gestionale

Lo scorso martedì 21 gennaio, nella città di Taranto, si è riunito il Comitato Regionale di Coordinamento Universitario CURC Puglia, un organo di controllo e indirizzo che coordina e mette in relazione politiche e strategie dei cinque Atenei della Puglia, ovvero Foggia, Salento, Bari Aldo Moro, Politecnico e L.U.M. Jean Monnet.

Durante l’incontro, nel valutare le nuove offerte formative, il CURC avrebbe deliberato la possibilità, presso l’Università LUM di Casamassima, dell’istituzione di un Corso universitario di Ingegneria Gestionale.

Università pugliesi a presidio di Taranto – trnews.it

La notizia sembra aver creato diffidenza e malumore tra le mura del Politecnico di Bari. Ne abbiamo parlato con il Prof. Ernesto Di Chio, già docente del suddetto Politecnico, che ci ha confermato le sue perplessità e sostiene anche la seguente riflessione del Prof. Umberto Ruggiero, già Rettore del Politecnico di Bari.

“Inaccettabile un Corso di Ingegneria fuori dal Politecnico”

Prof. Ing. Umberto Ruggiero – TG NORBA 24

“E’ noto dalle periodiche statistiche che da oltre dieci anni il Politecnico di Bari riscuote giudizi di elevata qualificazione scientifica in Italia e all’estero e oggi siamo veramente orgogliosi della recente· motivazione per cui è entrato nella classifica delle migliori Università del mondo.
Si ritiene invece un controsenso la notizia che il CURC (Comitato Universitario Regionale di Coordinamento) avrebbe deliberato la possibilità, presso l’Università LUM di Casamassima, dell’istituzione di un Corso universitario di Ingegneria Gestionale. La proposta appare sicuramente irrazionale e illude i futuri studenti piuttosto che far concorrenza al qualificato Politecnico. Dimostra peraltro la superficialità con cui anche la Puglia si adegua alla inspiegabile politica ministeriale (già criticata in questo giornale) mai lungimirante e mai finalizzata alla necessaria nuova e moderna formazione dei laureati, oggi richiestissimi nel mercato del lavoro.

“Trenta anni fa chi scrive fece l’inatteso prodigio di ottenere al Sud il Politecnico, al fine di sviluppare un’Università “Speciale” per Ingegneri ed Architetti, i professionisti essenziali in Puglia per conseguire più elevato progresso civile, nuova imprenditoria e indispensabile cultura tecnico­professionale e artistica. E’ dimostrato che in questi decenni il Politecnico ha contribuito fortemente a determinare la svolta necessaria per cui la Puglia non è seconda né al Nord, né all’Europa in vari campi, in particolare, per le industrie moderne e innovative e per il valore scientifico.”

Politecnico di Bari

“Se è vero che con la qualificata Ingegneria di Lecce ( nata e già sostenuta da Bari) si sta cooperando per una nuova ingegneria aerospaziale e che da tempo si auspica un Politecnico “Regionale”, risulta pleonastico pensare a introdurre isolati Corsi di Ingegneria fuori dal Politecnico, disorientando i giovani che cercano il meglio per il loro futuro.

Ripristinare la quinquennale di Ingegneria

L’intervista ha messo in risalto un’altra grande tematica, oggetto di dibattito degli ultimi mesi, inerente la possibile reintroduzione del corso quinquennale per le lauree ingegneristiche. Il prof. Ruggiero sostiene che: “Invece le stesse Università dovrebbero convincere il nuovo Ministro, ingegnere e già Rettore, sull’inutilità e l’antieconomicità anche sociale dei Corsi brevi a tre anni – da abolire, non solo all’Ingegneria – perché, come sostiene l’Ordine professionale, occorrono almeno 5 anni senza interruzioni (laurea magistrale) per qualificare un buon ingegnere. Tanto è vero che da anni dalle piccole Facoltà, specie del Sud, sono molti i laureati a 3 anni che vanno per altri 2 anni (laurea magistrale) presso le più affermate Università del Centro Nord e ai Politecnici di Milano e Torino, per integrare la propria preparazione e garantirsi il desiderato successo culturale e professionale. Ovviamente con grave dispendio economico, personale e sociale ( cervelli al Nord?). “

Occorre riflettere che una buona Università dipende anche dal livello scientifico dei suoi docenti, la cui preparazione è laboriosa e non facile in Italia perché senza sostegni finanziari alla ricerca.
Dobbiamo comunque essere convinti che in un mondo di grattacieli alti mezzo km, meccatronica diffusa, robot nell’industria e nella medicina, treni a 500 km/ora, droni e taxi volanti e così via, dev’essere prevalente la conoscenza multidisciplinare (meccanica, tecnologia, elettronica) nella figura degli artefici delle innovazioni, professionisti (prevalentemente ingegneri) già oggi di difficile preparazione nelle migliori scuole di Ingegneria e nei Politecnici. “

Conclusioni del Prof. Umberto Ruggiero

“I corsi specialistici di Ingegneria Gestionale, già concepiti 40 anni fa da noi e al Nord (ingegnere manager) integrano sempre, negli anni di corso, con mirate discipline economico-organizzative, una solida preparazione tecnologica, meccanica e impiantistica. Fuori dal contesto di quelle adeguate cognizioni tecnico-professionali, non sono sufficienti soltanto ottime discipline accademiche economico-organizzative e legislative adattate all’ingegneria.
Ad esempio, la stessa Università di Bari approverebbe un piccolo o grande Corso di Fisica o di Scienze biologiche fuori dall’Ateneo, anche se gemmato? Non l’ha fatto a Taranto ove ha serie difficoltà persino a realizzare Corsi di Medicina, nonostante gli Ospedali. Queste sono le idee di esperti accademici, di cui lo scrivente è attento sostenitore. “

Si è fiduciosi che la errata e inaccettabile proposta del CURC pugliese, venga razionalmente respinta o ignorata dal CUN e dal Ministero, a cui è affidato il difficile compito di guardare strategicamente agli sviluppi organizzativi ed economici per migliorare le Università, garantendo adeguata disponibilità di docenti, essenziali per la qualificazione dei laureati, così come richiesta dalla nuova civiltà del lavoro. Il Ministero non ha certo il compito di avallare e soddisfare piccoli interessi locali che, si ripete, illudono i nostri giovani. “








Check Also

Coronavirus: Secondo Cresme, nel 2020 il settore delle costruzioni italiane rischia di perdere 34 miliardi di investimenti

Nel settore residenziale stimato un calo del 22,6% per le nuove costruzioni e del 23,5% …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.