fbpx
Home / Environment / La mitigazione del rischio da frana a portata di click.

La mitigazione del rischio da frana a portata di click.

LaRiMiT : il nuovo portale web completo di tutte le misure strutturali per contrastare le frane in Europa.

Nella gestione delle aree a rischio frana, la scelta della più opportuna azione di mitigazione da adottare è un processo che necessita di rispondere ad alcuni requisiti fondamentali, non solamente di carattere tecnico, ma anche di carattere economico, sociale e ambientale.

Basti pensare al territorio nazionale, in cui spesso le aree a rischio frana ricadono all’ interno di aree di interesse paesaggistico e per cui opere ingegneristiche che non rispettano i vincoli ambientali risultano di difficile applicazione. In alcuni casi sono i comuni stessi che promuovono soluzioni a basso impatto ambientale perché trovano più consenso anche tra i cittadini.

Tutte le azioni volte a ridurre il rischio da frana si dividono in due grandi gruppi: misure non strutturali e misure strutturali. Come suggerisce la parola stessa, le misure non strutturali sono azioni o politiche volte a ridurre la vulnerabilità dei potenziali elementi a rischio. Un classico esempio sono i sistemi di allerta da frana a scala regionale che monitorano differenti variabili pluviometriche e segnalano quando queste raggiungono soglie di pericolo tali da procurare l’innesco di possibili frane. Le misure strutturali invece sono solitamente opere ingegneristiche che si dividono in attive e passive a seconda se realizzate in prossimità dell’area di innesco piuttosto che in corrispondenza della potenziale zona di deposizione della frana.

LaRiMiT (acronimo di Landslide Risk Mitigation Toolbox) è un portale web realizzato dal Norwegian Geotechnical Institute (NGI) all’ interno del progetto KLIMA 2050, con l’idea che il climate change in Europa provocherà un crescente rischio di dissesti idrogeologici, tra cui alluvioni e frane. Il principale scopo di LaRaMiT è quindi quello di aiutare gli ingegneri o i tecnici comunali nella scelta delle misure strutturali più adatte al tipo di frana e al contesto territoriale in cui ricade.

Il portale è gratuito e aperto a tutti e contiene un database di opere strutturali di mitigazione delle frane, suddivise in 11 categorie in base al tipo di processo fisico sul quale agiscono (ad esempio misure volte a modificare il drenaggio superficiale o profondo, misure di contenimento ecc.).  

Per ogni misura di mitigazione sono disponibili descrizione, alcuni esempi applicativi, metodi di dimensionamento ed utili riferimenti alla letteratura scientifica internazionale (come ad esempio i Best Management Practices).

Con LaRiMiT gli utenti possono fornire alcuni dettagli della frana di loro interesse (ad esempio tipo di movimento e materiale coinvolto, condizione delle acque superficiali e profonde) e ricevere come output dal portale la lista delle misure di mitigazione che sono tecnicamente più adatte al caso specifico. Il database infatti contiene delle schede tecniche per ogni misura, fornite da esperti nel settore della mitigazione delle frane, che ne specificano l’adeguatezza tecnica in relazione a vari aspetti della frana. LaRiMiT poi, ogni qual volta un utente fornisce i dati di input della frana, utilizza un algoritmo (Analytic Hierarchy Process) in grado di confrontare tali dati con le schede tecniche, escludendo automaticamente le misure che non sono compatibili con i dati di input.

La vera innovazione risiede nella possibilità da parte degli utenti, una volta ottenuta la lista delle più adeguate misure di mitigazione, di fornire su una scala da 1 a 10 una preferenza su tempi di implementazione, sostenibilità ambientale e fattibilità economica. Il prodotto finale sarà la stessa lista riordinata anche in base alle esigenze specifiche dell’utente, che possono influire sul processo decisionale.

Recentemente in LaRiMiT è stata inserita una nuova categoria: i Nature-Based Solutions (NBS). Gli NBS racchiudono tutte quelle misure a basso impatto ambientale che impiegano esclusivamente elementi naturali come piante, legno, o materiali bio-degradabili per la costruzione di opere di mitigazione strutturali. Tra queste rientrano pratiche di ingegneria naturalistica come l`idrosemina o le palizzate vive per ridurre l’erosione superficiali, o i terrazzamenti per ridurre la pendenza del versante.

LaRiMiT viene costantemente aggiornato nei contenuti e nelle funzioni. Ad oggi sono presenti oltre 80 misure di mitigazione del rischio da frana e quasi 150 casi di frane registrate in tutto il mondo (circa 100 in Europa, di cui oltre 40 in territorio italiano).

Riferimenti bibliografici: Uzielli, M., Choi, J. C., & Kalsnes, B. G. (2017, May). A web-based landslide risk mitigation portal. In Workshop on World Landslide Forum (pp. 431-438). Springer, Cham.

Check Also

Economia circolare in edilizia

Economia circolare in edilizia. Sicuramente ne avrete sentito parlare, ma come siamo realmente messi in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.